Tortino al sapore di tiramisù

Tortino al sapore di tiramisù

Merenda golosa o dessert poco importa

È perfetto è buonissimo in ogni caso.

Il tiramisù è uno dei dolci italiani per antonomasia e non conosco nessuno a cui non piaccia.

Ogni tanto presento una variante nuova e diversa.

In questo caso i sapori sono immutati, con la differenza che il caffè è direttamente dell’impasto.

Vediamo come preparare questo buonissimo Tortino al sapore di tiramisù.

Ingredienti per 2/3 persone Tortino al sapore di tiramisù:

Per il tortino/muffin

  • Farina di farro 125 gr
  • Malto di riso/orzo/agave gr 80
  • Lievito per dolci 5 gr
  • Okara di mandorle gr 40
  • Caffè da moka gr 120

Per la crema

  • Mandorle 100 gr
  • Acqua 400 ml
  • Limone 1 cucchiaino
  • Zucchero di canna 20 gr

Per decorare

  • Cacao amaro 2 cucchiaini

Procedimento:

Per prima cosa prepariamo la crema, frulliamo le mandorle con l’acqua per 2 minuti alla massima velocità e filtriamo.

Teniamo da parte l’okara che ci servirà in seguito.

Portiamo quindi a bollore il latte ottenuto e lo facciamo ridurre della metà.

Quando si sarà addensato aggiungiamo il limone e lo zucchero tritato al velo, mescolando molto bene.

Mettiamo quindi subito in frigo a raffreddare in modo che si raddensi e prepariamo una moka da 3 di caffè.

A questo punto accendiamo il forno a 180° ventilato.

In una ciotola uniamo la farina ed il lievito setacciati, il dolcificante, l’okara e amalgamiamo, poi aggiungiamo il caffè che avremo prima fatto raffreddare.

Mescoliamo bene per evitare la formazione di grumi, straferiamo l’impasto negli stampi o coccotine e cuociamo per 20 minuti.

Lasciare raffreddare prima di sformare.

Decorare con la crema di mandorle e cacao setacciato.

Leccarsi i baffi e mangiarselo!!

Annunci

Spalmabile alla nocciola hot spicy senza zucchero

Spalmabile alla nocciola hot spicy senza zucchero

Una coccola speciale in vista di San Valentino

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

Martedì sono stata alla Joia Academy per seguire il corso sui piatti per un menù di San Valentino, abbiamo cucinato cose pazzesche, ed ho mangiato il dolce più buono che io abbia mai assaggiato. Uno degli ingredienti che lo componevano era una crema spalmabile alle nocciole che “Nutella levati proprio”… ma anche qualsiasi altra crema spalmabile in commercio. Dovete sapere che prima di diventare vegana sono stata una vera “Nutella addicted”, mangiavo vasetti da 750 gr in 2 gironi, la tenevo sul comodino, con cucchiaio a portata di mano e la mangiavo prima di dormire (se ci penso ora mi vengono i brividi). Negli ultimi 6 anni veg ho assaggiato diverse creme spalmabili che oggettivamente sono molto più buone della Nutella, e non vi ci vuole molto, visto che gli ingredienti principali della famosa crema sono solo zucchero e olio e di palma 😦 Potete vedere qui sotto le percentuali di ingredienti della famosa spalmabile.

  • zucchero 50%
  • olio di palma 23.5%
  • nocciole 13%
  • cacao 7%
  • latte in polvere 6.5%

Tutt’altra cosa per la mia crema Spalmabile alla nocciola hot spicy senza zucchero

Ingredienti per 250 gr di prodotto finito Spalmabile alla nocciola hot spicy senza zucchero

(il totale del peso degli ingredienti è 350 gr, ma trasformando le nocciole in crema si riducono di più del 50%)

  • Nocciole tostate 150 gr 43%
  • Latte di nocciole 85 gr 24%
  • Sciroppo d’agave 60 gr (oppure malto di riso) 17%
  • Cacao 35 gr 10%
  • Olio di semi 20 gr (Opzionale) 6%
  • Olio piccante qb (Opzionale)

Procedimento:

Il procedimento è facilissimo, ci vuole solo un pochino di pazienza per ridurre le nocciole in crema. Per fare ciò serve un frullatore molto potente, tipo >>Vitamix<<, per chi come me non avesse la fortuna di avere questo fantastico frullatore ci si arrangia. Ideale è un piccolo frullatore che permetta di lavorare piccole quantità, io ad esempio ho usato il >>Magic Bullet<<, frullare le nocciole per molto tempo fino a ridurle in una crema semiliquida, se non si possiede il Vitamix aiutarsi in questa operazione aggiungendo l’olio di semi che renderà più facile l’operazione. Una volta ottenuta la crema, cercando di non fondere il frullatore (frullare 1 minuto e poi lasciare riposare qualche secondo, ci vorranno 5/10 minuti), unire tutti gli altri ingredienti e frullare per amalgamare bene il tutto. Travasare in un vasetto e nasconderlo per non mangiarla tutta in 10 secondi ahahahaha. Contiene pochissima acqua quindi dovrebbe conservarsi penso almeno 1 settimana in frigo….ma di sicuro non ci arriverà 😉

Kiwi sotto la neve 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Kiwi sotto la neve

Panna cotta al kiwi con topping al cacao, senza zucchero olio e glutine, e neve di cocco.

Preparo sempre torte lievitate, prodotti da forno…

Questa volta invece ho voluto preparare un dolce al cucchiaio, in tema con il freddo clima che ormai è arrivato.

Kiwi sotto la neve

Ingredienti per 1 porzione Kiwi sotto la neve:

Per la panna cotta:

Per il topping:

  • 1 cucchiaio di cacao amaro
  • Sciroppo d’agave qb
  • Farina di cocco
  • Fettine di kiwi

Procedimento:

Questo dolce è velocissimo e molto facile da preparare.

Sbucciare il kiwi e frullarlo con il succo di limone e lo sciroppo d’agave in una quantità a piacere in base a quanto si vuole dolcificare.

A parte scaldare in un pentolino il latte di riso con l’agar agar, continuando a mescolare vigorosamente. portare a bollore e poi cuocere 2 minuti a fuoco medio basso.

A questo punto versare il latte nel frullatore con il kiwi e frullare pochi secondi per amalgamare bene il tutto.

Trasferire quindi il composto in uno stampo per muffin o per tortini, lasciare raffreddare a temperatura ambiente e poi, quando inizia a solidificare, trasferire in frigorifero.

In una ciotolina mescolare il cacao con lo sciroppo d’agave, fino ad ottenere una crema liscia, fluida e lucida, eventualmente aggiungere un goccio di acqua per renderla più liquida.

Rovesciare la panna cotta nel piatto da portata, decorare con il topping al cacao, le fettine di kiwi e la farina di cocco.

Muffins senza glutine farciti all’albicocca 

Muffins senza glutine farciti all’albicocca

Continuano le colazioni vegane e gluten free al ristorante. 

Quello che più mi dà piacere è che i miei dolcetti sono particolarmente apprezzati da clienti che sono abituati al cibo tradizionale ed ai dolci con uova e burro.

Anche se utilizzo farine senza glutine e quindi la consistenza comunque è diversa da ciò a cui sono abituati. 

E dunque realizzo i miei dolcetti Ancor a più volentieri. 

Certo non utilizzo la parola vegan altrimenti non li mangerebbe più nessuno.

È incredibile il pregiudizio che ancora c’è intorno al tema vegan, dovuto alla mancanza di conoscenza di ciò che significa. 

Ma non importa, la cosa importante è trasmettere il messaggio che anche vegetale è buono, fare conoscere nuovi sapori sperando che sempre più persone scelgano di rinunciare ai prodotti di origine animale.

Ingredienti per 9 muffins:

  • 150 gr di mix farine senza glutine
  • 50 gr farina di mais
  • 50 gr farina di mandorle
  • 130 gr zucchero di canna+q.b.
  • 1/2 bustina di cremor tartaro
  • 2 cucchiai di semi di chia
  • 50 gr olio di semi di girasole
  • Succo di 1 arancia
  • 9 cucchiaini di marmellata di albicocche
  • Cacao q.b.
  • 150 ml Acqua o latte vegetale

Procedimento:

In una ciotola capiente unire gli ingredienti secchi compresi i semi di chia, aggiungere l’olio e massaggiare con le mani le farine fino ad ottenere un composto sabbioso. 

A questo punto aggiungere il succo d’arancia e iniziare a mescolare.

Incorporare anche l’acqua, mescolando energeticamente con una frusta per incorporare aria. 

Versare 2/3 del composto nei pirottini per muffins, aggiungere 1 cucchiaino di marmellata in ognuno è coprirla con il restante impasto.

Spolverare con poco zucchero di canna, poi cuocere in forno pre-riscaldato a 160° per 5 minuti, e poi a 180° per 25 minuti.  

Mettere un contenitore con dell’acqua nel forno per mantenere umido l’ambiente. 

Banana Bread Variegato al Cacao con Noci

Banana Bread Variegato al Cacao con Noci

Un dolce ricco ma leggero, tipico d’oltre oceano, ma ideale anche per noi sia per colazione che per merenda.

Naturalmente realizzato senza olio o altri grassi raffinati, in linea con la >> Starch Solution ->, per dimagrire e prendersi cura del proprio corpo senza rinunciare al gusto

Girovagando su Youtube o in rete mi capita spesso di vedere immagini e ricette del banana bread e ovviamente ho voluto farlo anche io, amante delle banane come sono non potevo non farlo.

La mia versione non è solo naturalmente vegan, ma priva di grassi raffinati, dannosi per la salute delle arterie e per il mantenimento del peso ideale, quindi adatto anche per chi deve perdere peso e per chi deve tenere sotto controllo il colesterolo.

Ingredienti per Banana Bread Variegato al Cacao con Noci

  • 2 banane mature
  • 260 gr farina integrale di farro
  • 70 gr sciroppo d’agave
  • 8 gr lievito per dolci
  • 25 gr farina di mandorle
  • 25 gr >> farina di cocco ->
  • 130 gr latte vegetale
  • 2 cucchiai cacao
  • 2 manciate di noci
  • estratto di vaniglia
  • 1 pizzico di sale

Procedimento:

In una ciotola schiacciare le banane con una forchetta e aggiungere il latte vegetale, lo zucchero e l’estratto di vaniglia.

A parte mescolare le farine il lievito ed il sale e poi unire le farine al resto del composto, mescolare bene ed amalgamare bene, aggiungere le noci intere e mescolare ancora.

A questo punto dividere l’impasto in due parti e in una metà incorporare il cacao, bagnare ed infarinare uno >> stampo da plumcake -> e versare i due impasti, cercando di farlo contemporaneamente dai due estremi dello stampo.

Aiutandosi con la punta di un coltello o con un bastoncino muovere gli impasti in modo che si mescolino tra di loro con delle striature.

Cuocere in forno pre-riscaldato a 180° per 45 minuti.

IMG_20170909_161000_654